Espulsione Di Canio da Sky, Enrico Ruggeri a Radio 24: “Polemica sterile. Italia paese perbenista.

di-canio-sky-polemica

(@Radio24_news)

Sky rimane senza il miglior esperto di calcio inglese.

Sinceramente cominciavamo a preoccuparci. La pluralità che contraddistingue, oggi, l’offerta televisiva nel nostro Paese  stava abituando gli italiani al concetto di Libertà.
Il Paese fondato sulla nostra cara e vecchia Costituzione garantista, di fatto, a poco serve contro il bigottismo ed i recenti fatti lo dimostrano pienamente.

E chi si stava meravigliando del comportamento del popolo americano capace di scegliere o abbandonare un leader a causa di una polmonite non detta, fermo restando che esistono norme specifiche che tutelano la privacy dei malati, qualunque sia la malattia da essi contratta, ora,  ha modo di concentrarsi su un caso tutto italiano e, cosa più importante,  profanatore  dell’Olimpo calcistico.

La storia in oggetto non riguarda né Ilary,  la moglie del grande seduttore Bill Clinton, né il nuovo “imbianchino Re” della comunicazione Donald Trumph.

E’ la storia che Enrico Ruggeri proverà a raccontare, oggi, mercoledì 21 settembre, all’interno de Il Falco e il Gabbiano in onda alle 15.30 su Radio 24.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

L’assunto è che “Ci sono calciatori, bravi calciatori, calciatori bravissimi, fuoriclasse, campioni e poi ci sono i simboli, quelli che vengono definiti bandiere“.

Ed ancora: La storia di Di Canio è la storia “di un uomo che è stato giudicato sul campo in modi diversi. Un saliscendi costante: cattivo, poi come esempio mondiale di fair play, un uomo che non ha mai nascosto le sue idee, che ha subito anche conseguenze per le sue idee. Insomma oggi raccontiamo la storia di Paolo Di Canio”.

Tutto ciò avviene  a pochi giorni di distanza della polemica che ha coinvolto l’ex calciatore della Lazio Paolo Di Canio a causa del suo tatuaggio recante la scritta “Dux” sul braccio.

Di Canio – spiega Enrico Ruggeri a Il Falco e il Gabbiano su Radio 24 – dopo aver allenato ancora in Inghilterra torna in Italia e diventa, questo è quasi oggettivo da dire, il miglior commentatore televisivo di calcio inglese. Ha una sua trasmissione su Sky, una trasmissione veramente interessante, ed è un numero uno. Però viene tradito da un collegamento in un periodo ancora estivo nel quale esibisce una maglietta con le maniche corte, o meglio, esibisce un tatuaggio. Uno dei tanti tatuaggi che lui ha. Qualcuno legge la scritta ‘Dux’, parte una polemica secondo me sterile, perché sul fatto che Di Canio, insomma, non fosse di sinistra era una cosa che tutti sapevano, però evidentemente l’Italia, che è un paese buonista, perbenista, in questo caso si scaglia contro Paolo Di Canio e Sky decide di allontanarlo dagli schermi. Insomma, ancora una volta uno che paga per le sue idee, se volete discutibili, ma che comunque paga per un tatuaggio e Sky rimane senza il miglior esperto di calcio inglese”.

www.radio24.ilsole24ore.com

Print Friendly, PDF & Email

Link Utili

banner_468x60_T1
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: