“L’aver cura” del pop di Luca Bussoletti e le storie non comuni di POP THERAPY stasera all’Auditorium

11951674_1643807832570765_6909670442194669213_o

“Perché invitare sul palco PIOTTA, MAURO ERMANNO GIOVANARDI e GIUSEPPE RICCA?”

Luca Bussoletti, questa domanda se l’è posta, fin da subito,  quando ha deciso di imbarcarsi nell’avventura che, stasera, lo vedrà protagonista presso l’Auditorium Parco della Musica.

A onor del vero, più che un’avventura è il  grande ritorno nella sua città natale ed è anche l’occasione migliore per presentare l’album di prossima uscita dal titolo quanto mai significativo: Pop Therapy. Luca Bussoletti, presso la Sala Teatro Studio Borgna dell’Auditorium stasera mostrerà in anteprima assoluta il videoclip  del singolo “Povero Drago” che accompagna l’uscita dell’album  la cui regia è stata firmata da  Federico Galli. 

Avendo incontrato la sua anima musicale in più di una occasione,  assai spesso intesa in simbiosi con i suoi testi taglienti Luca con questo suo disco riattribuisce  alla parola terapia la sua accezione più antica (dal greco therapeìa), ossia “aver cura” e non curare.

Reduce dagli opening act dei concerti di Tricarico e di Jack Savoretti, Luca Bussoletti, stasera porterà sul palco quei suoni degli anni ottanta che lo caratterizzano a tal punto dall’essersi guadagnato  premi importanti come il Lunezia e il Donida e a collaborare con Dario Fo nella canzone “A solo un metro”.

Ed è notizia di oggi il SOLD-OUT del concerto nato per festeggiare  i 40 anni di Amnesty International.

Sul palco dell’Auditorium con Bussoletti, Giuseppe Mangiaracina (microkorg e basso), Max Bossi (chitarra acustica), Maurizio Piacente (dj) e Andrea Nicolè (batteria e drum machine) oltre alle special guests annunciate.

12107780_1026400804048926_5851556241378329363_n

Luca Bussoletti inizia ufficialmente il suo percorso nel 2004 quando pubblica l’album “E’ soltanto un salto nel vuoto” prodotto dal tastierista di Ligabue Josè Fiorilli. Seguono la partecipazione al Tim Tour e le aperture dei concerti di Irene Grandi e Silvia Mezzanotte. Nel 2011 arriva la collaborazione con Dario Fo, che duetta nella sua canzone “A solo un metro”, e l’interessamento de Il Fatto Quotidiano. L’album successivo, “Il Cantacronache”, è il primo in assoluto ad essere distribuito dal quotidiano. Il 2014 è l’anno del reboot. L’artista si fa chiamare semplicemente “Bussoletti” e registra l’album Pop Therapy sotto la produzione artistica di Luca Mattioni. Firma un contratto discografico con la 8 Beat di Tommaso Tessarolo (CEO di Current tv Italia) ed inizia una nuova vita artistica come autore. Durante il suo percorso artistico, Luca Bussoletti ha ottenuto moltissimi riconoscimenti dalla Targa Speciale MEI al Premio Lunezia passando per il Premio Donida e La Miglior Canzone Originale al Rome International Film Fest.

https://www.facebook.com/events/1632550040333705/
http://www.auditorium.com/eventi/ricerca?input=EV_5917361

Print Friendly, PDF & Email

Link Utili



banner_468x60_T1

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: