Le Interviste di Allinfo.it : @AntonioPascuzzo

pascuzzo (@antoniopascuzzo)
PASCOUCHE, il secondo disco di ANTONIO PASCUZZO è un album vivo nel quale si  respirano  atmosfere dalle influenze “manouche ” sia per gli  arrangiamenti di alcuni brani, sia per la la presenza,  tra gli ospiti, dello straordinario chitarrista  Angelo Debarre , (considerato l’erede di  Django  Reinhart) e fra gli altri dei  Solis String Quartet , di Francesco Forni  e  Ilaria Graziano, dei Sinfonico Honolulu, degli immancabili  Rossoantico, di Pericle Odierna, Giorgio Secco e Adriana Ester  Gallo e  Marco Rinalduzzi.

Per comprendere meglio questo secondo lavoro di Antonio Pascuzzo abbiamo pensato bene di intervistarlo.

Come possiamo definire PASCOUCHE?

Pascouche è un po’ un genere a se stante. Assolutamente per caso ho scoperto  che,  così scritto, potrebbe assumere il significato “uno che non dorme”! (da n’est pas couché).
Potrei dirti che non è un disco monotematico ma  non è nenache un disco manouche. Si caratterizza per i suoi suoni live che assumono la forma del concerto forte delle sue  sonorità che mi hanno permesso di non rinunciare ad armonia, melodia e ritmica. Dal vivo poi ha il pregio di non relegare i testi ad un ruolo marginale  da dover intuire  con difficoltà.
Questo sound, con questa formazione, mi permette di esprimermi al meglio e di mantenere intatta l’intenzione.

Visti i tanti temi affrontati , giocando con le parole, possiamo dire che Pascouche è il vero filo conduttore di questo disco che unisce punti di visione differenti?

In questa disco ci sono due aspetti:   uno musicale   ed un altro legato al viaggio. Aspetti ambedue interconnessi nel modo atteso.
Pascouche è come un interrail di buon viaggio che mi ha portato a spostarmi  fino in Francia per Rivoluzione e poi in Portogallo in alcune taverne dove si faceva il fado . Il disco  mi ha permesso di avvicinare musiche il cui utilizzo è stato strumentale rispetto al viaggio stesso.
Un esempio per tutti, visto come stiamo trattando la nostra  carta costituzionale, nel brano “il fado del partigiano”, il  fado stesso è una scelta di lettura e ambientazione del tema in cui il  ritmo incalzante  con le sue immagini  struggenti porta in evidenza le mille offese ad una “Carta  fatta a brandelli”. Perché il Fado?  E’ una musica che parla di nostalgia, di tristezza ed esso stesso diventa un viaggio nel viaggio che dona alle storie  una chiave di lettura in più rispetto alla musica scelta.

E’ un disco che ha soddisfatto le attese?

Era più o meno come lo sognavo anche se con Angelo Debarre è andata anche meglio di come avessi previsto. Con lui è stata  buona la prima. Una prima nella quale si è lasciato andare così tanto  fino al punto di modificare in maniera viva e  apprezzata la melodia del brano. Dunque potrei aggiungere   che   il risultato che ho ottenuto è stato molto più bello e gratificante di quanto sperato.Non pensavo che tutti gli ingredienti di Pascouche potessero conciliarsi così bene. E in tal senso il plauso che mi riconosco è merito dell’armonia che si è creata con Francesco Forni con il quale ci siamo motivati a vicenda a monte della realizzazione di questo nuovo progetto.

Dall’esperienza di Rossoantico e dall’aver gestito un luogo di musica attento alla musica quali collaborazioni le hanno dato maggiore soddisfazione e quali sogna come musicista?

Per come intendo la vita io, le collaborazioni non sono un obiettivo da raggiungere quanto una condizione per me naturale e quando sto insieme ai musicisti che via via incontro mi piace vivere il momento in piena armonia senza aspettative. Del resto non è un segreto che mi piaccia vivere contesti assai conviviali ..il locale (the place), il coro dei minatori, Rossoantico  sono esempi eclatanti e questa mia visione mi ha permesso di suonare con tanti musicisti. Se dovessi ascoltare il mio ego potrei dirti che,  nella vita ho avuto la possibilità di conoscere Pino Daniele e devo dire che mi sarebbe piaciuto suonare con lui. Stavo registrando a Napoli quando è venuto a mancare. Lui, musicalmente, è stata una presenza sempre viva e ho  vissuto come un privilegio l’essergli stato amico. E la copertina del disco è un omaggio alla sua amicizia.

A fronte di una  ricerca personale portata avanti da lungo tempo qual è il bilancio?

Diciamo che, con Pascouche ho raggiunto  una nuova ed importante esperienza cantautoriale che oggi mi porta a stupirmi  ogni volta che sento qualcuno suonare uno strumento  in un modo nuovo e soprendente.

Cos’è che la distrae da tutto il resto quando sente suonare gli altri?

In realtà  l’approccio per me è differente. La musica mi distrae da ogni altra cosa.  Dice una canzone “la musica è di sottofondo e di solito tendo a distrarmi dal resto”. L’ensemble di musica e parole in armonia  mi aiuta a pensare  anche quando faccio la doccia.

Come ha deciso di raccontare questo suo disco che non possiamo non  definire corale?

In tutte le sue declinazioni secondo un principio di necessità. In due, in tre, anche in funzione delle possibilità economiche di chi ci ospita. Prima di tutto lo suono per me  e  se, oggi, canto le canzoni del mio primo disco in modo più sicuro rispetto alle canzoni di  questo album sono certo che accadrà la stessa cosa per le canzoni di Pascouche: una volta vissute meglio e respirate come dovuto mi capiterà di raccontarle ancora meglio di come sto facendo ora.

Il pubblico influisce, interagisce?

Premesso che la formazione influisce sulle esecuzioni dei brani posso dire che  anche il pubblico, durante i concerti, fa la sua parte.  Il pubblico  è un po’ come il  doping per l’atleta. Ti genera quelle  tensioni che ti permettono di librarti in uno stato di grazia e quando questo non avviene inutile dire che è deprimente.

Parlando della genesi di questo album c’era già qualcosa di scritto quando è iniziato il viaggio?

Il progetto  nato dal viaggio , durante la lavorazione, si è rivelato una evoluzione naturale dell’idea nata con i Rossoantico per via dell’approccio avuto nei riguardi degli arrangiamenti. Risentivano delle influenze della musica  balcanica. Influenze che sono state poi  arricchite dalle collaborazioni avute e mi hanno permesso di andare oltre e di comprendere molte più cose di quelle immaginate. Il  primo approccio con la musica zingara da cui è nato il movimento balcanico mi ha concesso di capire, poi, un nuovo modo di contare il tempo,  di suonare , di cantare… di vivere l’approccio allo strumento delle mie mani in modo nuovo, impensato. Tutto ciò è stata, per me, una emozione grandissima che mi ha dato la possibilità di scandagliare i legami che esistono tra le varie culture, tra le persone e i popoli, tra  le etnie e le loro musiche per  meglio comprendere come la musica si leghi  antropoligicamente a quelle persone.  Ovviamente la mia ricerca non è stata  fatta su basi scientifiche ma  è stata, comunque, in grado di  condizionare la scrittura dei bani che, strada facendo, mi sono ritrovato ad incidere.

Tanti incontri in questo disco. Crede al caso?

No.. Diciamo che la riuscita di ogni incontro  è legata, sì al caso ma anche  alle energie profuse. Per quanto riguarda  Pascouche e  il legame che si è creato  tra l’incontro e la musica nulla è stato casuale. Non ho girato l’Europa con uno zainetto sulle spalle perché  le persone con le quali  ho suonato le avevo già incontrate prima e al momento giusto  le  ho cercate volutamente in funzione della produzione di questo mio nuovo disco.

C’è un tema al quale è legato più di altri?

Uno è certamente legato al mondo dei migranti. Io, personalmente provo un senso di vergogna enorme della quale non mi riesco a liberare. Pensare che, in questa nostra epoca, purtroppo tutta fashion e plastica,   nonostante le nostre conoscenze sui lager nazisti siano ancora possibili vergogne come i centri di accoglienza di Lampedusa. Isola nella quale sono stato recentemente e dove è evidente l’esistenza  di quell’abisso  che separa l’uomo dalla propria dignità.  L’altro tema a me caro è  la vicenda di Stefano Cucchi,  già trattata nel primo album (nel brano zitto zitto). La  presenza di Stefano è per me un fatto reale. Stefano  continua a combattere contro il muro di gomma che continua a far calare il silenzio su indagini in cui le forze dell’ordine non possono non avere proprie responsabilità.

E’ un album capace di generare nuove risposte e, quindi, nuova voglia di scrivere?

Pascouche continua ancora oggi a suggerirmi la scrittura di nuovi testi  e credo già di poter riempire un altro album.

E…

In Pascouche ci sono così tante canzoni e, quindi, così tanti aneddoti che potrei parlare di questo album per almeno 20 ore e  dirti, quindi, di come  ogni virgola e ogni nota abbiano portato ad una scelta ben precisa. Spero a questo punto che il disco non risulti  pesante. Anche perché  è un album che, volutamente, ha delle dinamiche fruibili e “leggere”  in cui si affrontano i temi tipici dei cantautori. Io preferisco continuare a cantare di quello che mi succede intorno piuttosto che fare cosa diverse. Per me la canzone è quella.

di Giovanni Pirri

—-

ALCUNE NOTE
____

L’album è frutto della sintesi dello spirito che attraversa il progetto: un viaggio a tappe alla ricerca di  vecchi e nuovi compagni dai quali  Pascuzzo riceve  in dono i colori della musica: il fado, il calypso, la musica  cubana, quella da camera,  i suoni balcanici , lo swing,  il  blues ,  il rock,  il  manouche appunto .
Ed è la risultante anche dell’incontro con straordinari ospiti ,  che non hanno semplicemente prestato una traccia alla canzone, ma ne hanno  offerto una lettura, hanno dato una mano e le loro mani, per la realizzazione del progetto, e in qualche caso  ne ha no concepito l’arrangiamento: non solo  Angelo Debarre , ma  i  Solis String Quartet ,  Francesco Forni  e  Ilaria Graziano, i Sinfonico Honolulu, i Rossoantico, Pericle Odierna, Giorgio Secco e Adriana Ester  Gallo,  Marco Rinalduzzi e tanti musicisti e amici che hanno condiviso una parte del percorso che ha portato  all’album. Questo album è frutto  dei viaggi non solo virtuali,  degli  straordinari incontri e collaborazioni che Pascuzzo  ha compiuto in questi anni :  per il suo valore artistico  e culturale il progetto è entrato nel prestigioso  catalogo dell’etichetta Parco della Musica  Record, notoriamente riservata ai grandi maestri del jazz .

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Link Utili

banner_468x60_T1
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: